Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus edilizi, il trasferimento dei crediti nel consolidato fiscale non è una cessione
NORMATIVA Bonus edilizi, il trasferimento dei crediti nel consolidato fiscale non è una cessione
RISPARMIO ENERGETICO

Superbonus 110%, l’esonero dall’APE non garantisce il diritto alla detrazione

di Rossella Calabrese

La condizione necessaria per ottenere il beneficio fiscale è la presenza di un impianto di riscaldamento

Vedi Aggiornamento del 06/07/2022
Foto: goodluz © 123RF.com
30/08/2021 - La mancanza dell’impianto di riscaldamento in un edificio oggetto di ristrutturazione preclude la fruizione del superbonus 110% per i lavori di efficientamento energetico. L’esonero dall’APE non garantisce il diritto alla detrazione.
 
Lo ha affermato l’Agenzia delle Entrate con la Risposta 557 del 25 agosto 2021 al quesito posto da un soggetto comproprietario insieme alla moglie di un locale di deposito (categoria catastale C/2) sul quale è stata avviata una ristrutturazione edilizia per la realizzazione di un immobile residenziale, funzionalmente indipendente, dotato di accesso autonomo.
 
Prima dei lavori, il fabbricato era composto da due piani ed era aperto su un lato, essendo stato in passato adibito a stalla, ricovero di attrezzi agricoli e fienile, privo di impianto di climatizzazione e situato in una zona soggetta a vincolo paesaggistico.
 
Il proprietario ha appaltato ad un’impresa edile i seguenti interventi:
- risanamento conservativo delle facciate esterne;
- adozione di misure antisismiche, mediante demolizione degli esistenti solaio e tetto in legno, e la realizzazione di una nuova struttura portante mista in cemento armato e legno e di un nuovo tetto;
- ulteriori lavorazioni a completamento del nuovo edificio residenziale.
 


I lavori di isolamento termico in corso di esecuzione prevedono, nello specifico, la chiusura del lato attualmente aperto, con un cappotto termico esterno sulla nuova facciata in laterizi e un cappotto termico interno, sulla parete opposta a quella di nuova costruzione, per isolare la parete in pietra, il rifacimento e l’isolamento del tetto con coppi, un vespaio areato e isolato per il nuovo pavimento controterra.
 
Questi lavori interesseranno una superficie complessiva superiore al 25% di quella disperdente lorda dell’intero edificio. Al termine dei lavori, secondo il progetto redatto dallo studio tecnico, l'immobile residenziale raggiungerà una classe energetica pari alla A/2.
 
Saranno realizzati anche i seguenti interventi:
1. impianto per il riscaldamento e il raffrescamento e la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore;
2. nuove finestre comprensive di infissi, una delle quali in sostituzione di un preesistente serramento;
3. un generatore di calore alimentato da biomasse combustibili;
4. una tenda a rullo esterna per la schermatura solare di un serramento in vetro sul fronte sud;
5. una colonnina per la ricarica di veicoli elettrici;
6. un sistema di building automation per la gestione dell'impianto di condizionamento estivo ed invernale e la produzione di acqua calda sanitaria.
 
Per tutti gli interventi previsti, il proprietario chiede di poter usufruire del Superbonus.
 


Superbonus 110% ed esonero dall’APE

A sostegno della sua richiesta per i lavori di isolamento termico, richiama il nuovo comma 1-quater dell’articolo 119 del DL 34/2020, introdotto dalla Legge di Bilancio 2021, che ha ammesso al superbonus anche gli edifici privi di attestato di prestazione energetica perché sprovvisti di copertura, di uno o più muri perimetrali, o di entrambi, purché al termine degli interventi raggiungano una classe energetica in fascia A.
 
Inoltre, essendo l’edificio originario privo dell’attestato di prestazione energetica (APE), il proprietario ritiene di non dover procedere alla redazione dell’APE pre-intervento, ma di dover redigere l’APE post-intervento per certificare la classe di efficienza raggiunta.
 
Per quanto riguarda gli altri lavori, il proprietario ritiene di poter beneficiare del 110% per gli interventi di cui ai punti 3, 4, 5 e 6 (generatore di calore a biomasse, tenda a rullo esterna, colonnina per la ricarica di veicoli elettrici, sistema di building automation), in quanto interventi trainati dall’intervento di isolamento delle superfici opache.
 
Sui punti 1 e 2 (impianto per il riscaldamento e il raffrescamento e nuove finestre), il proprietario è dubbioso perché si tratta di nuove installazioni e non di sostituzione di impianti termici e finestre preesistenti.
 


Agenzia delle Entrate: ‘senza riscaldamento niente superbonus’

Innanzitutto, l’Agenzia ricorda che per avere diritto al superbonus, gli immobili devono essere dotati di impianti di riscaldamento, presenti negli ambienti in cui si realizza l'intervento agevolabile, e conferma che la Legge di Bilancio 2021 ha esteso la detrazione del 110% agli edifici privi di APE perché sprovvisti di tetto e/o di muri perimetrali, purché al termine degli interventi raggiungano una classe energetica A.

Per gli interventi di efficientamento energetico - prosegue l’Agenzia - deve essere dimostrato, sulla base di una relazione tecnica, che nello stato iniziale l’edificio era dotato di un impianto idoneo a riscaldare gli ambienti di cui era costituito. In tale ipotesi, il proprietario è esonerato dal produrre l’APE iniziale.
 
La mancanza del riscaldamento nell’edificio oggetto della ristrutturazione, quindi, preclude la fruizione del beneficio fiscale per i lavori di efficientamento energetico. A nulla rileva l’estensione del superbonus agli edifici sprovvisti di tetti o di muri perimetrali, per i quali è impossibile produrre l’APE pre-lavori.
 
E poiché il deposito non è dotato di un impianto di riscaldamento preesistente, non può accedere al superbonus per gli interventi trainanti di efficientamento energetico; di conseguenza non può fruire del regime agevolato neanche per gli interventi trainati.
 
In definitiva, nel caso sottoposto all’Agenzia, non sarà possibile fruire del superbonus 110% né per i lavori trainanti di isolamento termico delle superfici opache verticali né per i lavori trainati.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione