inc
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Legislativo 16/01/ 2008 n. 4

Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale (Suppl. Ordinario n. 24)

Delibera/zione 22/03/ 2005 n. 379

Regione Calabria - Direttiva per le modalita di applicazione della Legge n. 308/2004 «Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l’integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di direttiva applicazione» in tema di accertamento e pronuncia della compatibilita`paesaggistica per lavori compiuti su beni paesaggistici

Decreto Legislativo 22/01/ 2004 n. 42

Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137. (Suppl. Ordinario n. 28)

News Correlate

24/06/2010
Codice Ambiente: il Consiglio dei Ministri discute le modifiche

L’Anci chiede più chiarezza sugli interventi sottoposti a Valutazione di impatto ambientale e Valutazione ambientale strategica

08/05/2007
L'estinzione del reato paesaggistico non si estende a quello edilizio

Corte Costituzionale: impossibile estinguere il reato edilizio attraverso il ripristino delle aree vincolate

18/07/2006
Modifiche al Codice Ambiente, iniziato l’esame

La Commissione Ambiente Senato invita a tener conto delle infrazioni

26/06/2006
Codice Ambiente, dalla Corte Costituzionale no alla sospensiva

Negato per mancanza di argomentazioni il provvedimento di sospensione richiesto dall’Emilia Romagna

20/06/2006
Codice Ambiente sotto la lente della Consulta

Udienza il 21 giugno; il Governo revoca sua costituzione in giudizio

15/06/2006
Nuova politica ambientale, il Ministro la illustra al Senato

Tra i temi: energie rinnovabili, no ai condoni edilizi, promozione della bioedilizia, Codice dell’ambiente

12/05/2006
Combustibile da rifiuti e certificati verdi

Un Dm ammette anche il CDR-Q agli incentivi per le fonti rinnovabili

12/05/2006
In vigore da oggi le modifiche al Codice Urbani

Eliminato silenzio-assenso della P.A. nella verifica dell’interesse culturale; possibile l’autorizzazione paesaggistica in sanatoria

28/04/2006
In vigore da domani il nuovo Codice ambiente

Pronto il modello per l’iscrizione all’Albo nazionale dei gestori ambientali; il Mud non va più presentato

19/04/2006
Nuovo Codice dell’ambiente: entrerà in vigore il 29 aprile

Pubblicato in GU. Saranno esentati dalla Tarsu i rifiuti prodotti dalle imprese, ma aumenteranno gli adempimenti

07/04/2006
Rifiuti: il 30% delle imprese non presenterà più il Mud

Se il nuovo Codice dell’Ambiente entrerà in vigore entro aprile, decadrà l’obbligo del Mud per i rifiuti non pericolosi

04/04/2006
Codice Ambiente: via libera del Governo e firma di Ciampi

Approvato dal Consiglio dei Ministri il 29 marzo scorso; poche le modifiche apportate dopo i rilievi di Ciampi

21/03/2006
Nuovo Codice dell'ambiente: Ciampi non firma

Il capo dello Stato ha rinviato al Governo il testo unico che recepisce la legge delega in materia ambientale

13/03/2006
Risorse idriche e rifiuti: arriva l’Autorità di vigilanza

Istituita dal nuovo Codice dell’ambiente, assicura l’osservanza delle regole, chiede il risarcimento dei danni e irroga sanzioni

08/03/2006
Terre e rocce da scavo non sono più rifiuti

Le sostanze inquinanti presenti devono essere sotto i limiti

13/02/2006
Testo Unico Ambiente: approvazione definitiva

Tra le novità: incentivi al Sud per le fonti rinnovabili e Autorità di bacino distrettuali. “Operazione scandalosa” per Legambiente

03/02/2006
TU ambiente: l’iter si avvia alla conclusione

Pareri favorevoli con condizioni dalle Commissioni ambiente di Camera e Senato; ancora critiche le Regioni

30/01/2006
Testi unici Ambiente; parere negativo delle Regioni

Bocciatura totale sia nel merito delle disposizioni del decreto sia per il metodo utilizzato dal Governo

23/01/2006
Testo unico Ambiente, approvazione del Consiglio dei Ministri

Recepite osservazioni delle commissioni parlamentari. VIA: effettuazione sul progetto preliminare e silenzio-rifiuto

16/01/2006
Sì delle Commissioni di Camera e Senato al TU ambientale

Pareri favorevoli con molte condizioni: no al silenzio-assenso sulla VIA, richiesto un maggiore coinvolgimento degli enti locali

05/01/2006
Tu ambiente, chiusura totale delle Regioni

La Conferenza non ha espresso il parere ma il Governo va avanti

15/12/2005
Testo unico ambiente all’esame della Camera

Ma manca il parere della Conferenza unificata Stato-Regioni

13/12/2005
TU Ambiente in Parlamento: appello al Capo dello Stato

Il mondo accademico e scientifico chiede la non approvazione

30/11/2005
Testo unico ambiente: arriva il primo no dalle Regioni

Confusione sul silenzio-assenso per la VIA; nuove classificazioni per i rifiuti

25/11/2005
Testo unico ambiente: novità per rifiuti e danno ambientale

Più concorrenza nella gestione dei rifiuti e ordinanza-ingiunzione per il risarcimento del danno. Ma non mancano le critiche

22/11/2005
Delega ambientale, prime reazioni dagli enti locali

Regioni, province e comuni criticano l’operato del Governo

21/11/2005
TU ambiente: sì dal Consiglio dei Ministri

Il decreto legislativo riordina la materia su VIA, danno ambientale, rifiuti, aria, suolo, lotta alla desertificazione e acque

28/10/2005
Delega ambientale: tutta la normativa in un Testo unico

I cinque decreti accorpati in un unico codice dell’ambiente attualmente all'esame dei Ministeri competenti

19/10/2005
VIA: introdotta una fase di consultazione preventiva

Parere degli enti locali sulla compatibilità ambientale. Nel testo unico novità anche per la Valutazione ambientale strategica

11/10/2005
Delega ambientale: i saggi approvano i testi unici

Bozze trasmesse al Ministero; atteso il parere dei governatori

23/09/2005
Testi unici ambiente: Regioni contro Ministero

Gli assessori regionali rivendicano la partecipazione degli enti locali nella elaborazione dei testi dei decreti di attuazione delle Legge delega ambientale

15/09/2005
Testo unico Via: si cancella il silenzio-assenso

Se l’Esecutivo non dà il parere la Via si intende negativa

13/09/2005
Delega ambientale: pronti cinque testi unici

Le associazioni: sono stati esclusi i soggetti che avrebbero dovuto confrontarsi su temi fondamentali per la salute e la sicurezza di tutti i cittadini

28/01/2005
Rapporto fra condono ambientale e condono edilizio

Scade il 31 gennaio il termine previsto per ottenere la depenalizzazione dei reati ambientali

17/01/2005
Diritto di edificare su aree soggette a vincolo

Il proprietario può chiedere al Comune di traslare il proprio diritto edificatorio su un'altra area

14/01/2005
Punta Perotti in tempi brevi la demolizione

Conto alla rovescia con l'entrata in vigore della legge sulla delega ambientale

12/01/2005
Abusi edilizi in zone vincolate

Per ottenere la depenalizzazione del reato ambientale domanda entro il 31 gennaio 2005

Legge dello Stato 15/12/2004 n. 308

(Gazzetta ufficiale 27/12/2004 n. 302)

Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di diretta applicazione. (S.O. n.187)

Testo vigente al 20-12-2013

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Promulga
la seguente legge:

Art. 1

1. Il Governo e' delegato ad adottare, entro diciotto mesi dalla
data di entrata in vigore della presente legge, senza nuovi o
maggiori oneri per la finanza pubblica, uno o piu' decreti
legislativi di riordino, coordinamento e integrazione delle
disposizioni legislative nei seguenti settori e materie, anche
mediante la redazione di testi unici:
a) gestione dei rifiuti e bonifica dei siti contaminati;
b) tutela delle acque dall'inquinamento e gestione delle risorse
idriche;
c) difesa del suolo e lotta alla desertificazione;
d) gestione delle aree protette, conservazione e utilizzo
sostenibile degli esemplari di specie protette di flora e di fauna;
e) tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente;
f) procedure per la valutazione di impatto ambientale (VIA), per
la valutazione ambientale strategica (VAS) e per l'autorizzazione
ambientale integrata (IPPC);

g) tutela dell'aria e riduzione delle emissioni in atmosfera.
2. I decreti legislativi di cui al comma 1, nel disciplinare i
settori e le materie di cui al medesimo comma 1, definiscono altresi'
i criteri direttivi da seguire al fine di adottare, nel termine di
due anni dalla data di entrata in vigore dei medesimi decreti
legislativi, i necessari provvedimenti per la modifica e
l'integrazione dei regolamenti di attuazione ed esecuzione e dei
decreti ministeriali per la definizione delle norme tecniche,
individuando altresi' gli ambiti nei quali la potesta' regolamentare
e' delegata alle regioni, ai sensi del sesto comma dell'articolo 117
della Costituzione.

3. I decreti legislativi di cui al comma 1 recano l'indicazione
espressa delle disposizioni abrogate a seguito della loro entrata in
vigore.

4. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono adottati su
proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, di
concerto con il Ministro per la funzione pubblica, con il Ministro
per le politiche comunitarie e con gli altri Ministri interessati,
sentito il parere della Conferenza unificata di cui all'articolo 8
del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

5. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente
legge, il Governo trasmette alle Camere gli schemi dei decreti
legislativi di cui al comma 1, accompagnati dall'analisi
tecnico-normativa e dall'analisi dell'impatto della regolamentazione,
per l'espressione del parere da parte delle competenti Commissioni
parlamentari. Ciascuna Commissione esprime il proprio parere entro
trenta giorni dalla data di assegnazione degli schemi dei decreti
legislativi, indicando specificamente le eventuali disposizioni
ritenute non conformi ai principi e ai criteri direttivi di cui alla
presente legge. Al fine della verifica dell'attuazione del principio
di cui al comma 8, lettera c), i predetti schemi devono altresi'
essere corredati di relazione tecnica. Il Governo, tenuto conto dei
pareri di cui al comma 4 ed al presente comma, entro quarantacinque
giorni dalla data di espressione del parere parlamentare, ritrasmette
alle Camere, con le sue osservazioni e con le eventuali
modificazioni, i testi per il parere definitivo delle Commissioni
parlamentari competenti, da esprimere entro venti giorni dalla data
di assegnazione. Decorso inutilmente tale termine, i decreti
legislativi possono essere comunque emanati. Il mancato rispetto, da
parte del Governo, dei termini di trasmissione degli schemi dei
decreti legislativi comporta la decadenza dall'esercizio della delega
legislativa.

6. Entro due anni dalla data di entrata in vigore di ciascuno dei
decreti legislativi di cui al comma [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
EPS RESPHIRA
inc
Superbonus 110
inc

NEWS NORMATIVA

Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?

18/9 - Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?

Nel webinar Edilportale le indicazioni per la sostituzione degli impianti termici sia in edifici unifamiliari che in condomìni

18/9 - Semplificazioni, misure in stand-by in attesa dei decreti attuativi

Dal Fondo per la prosecuzione delle opere pubbliche ai commissari per gli interventi complessi, nuove regole entro un mese o fine anno


Mapelastic
inc
Cataloghi
inc

inc