Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, Ance: ‘subito i moduli aggiornati per la CILA’
NORMATIVA Superbonus, Ance: ‘subito i moduli aggiornati per la CILA’
RISPARMIO ENERGETICO

Formia: programma di edilizia in bioarchitettura

Inaugurato un complesso di alloggi ecologici nella frazione di Penitro

Vedi Aggiornamento del 12/03/2009
Commenti 7614
13/06/2008 – È stato inaugurato pochi giorni fa a Formia il complesso “la casa ecologica”, nato con l’obbiettivo di realizzare edifici concepiti come organismi aperti, in rapporto al luogo, che offrano spazi di relazione per i propri abitanti e che sappiano usare la natura ed il luogo stesso come risorse naturali, riducendo i costi globali di gestione, sia in termini energetici che di impatto ambientale.
 
Il complesso, progettato da Benito Di Fazio, Massimo D’Alessio e Luca Di Fazio, è stato realizzato da “Coop Casa Service”, un consorzio regionale di cooperative di abitazioni con sede nella regione Lazio, con la collaborazione dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura e della cooperativa di produzione e lavoro Edilcoop Sud Pontino.
 
Sono state realizzate con una serie di soluzioni tecnologiche, impiantistiche ed uso di materiali, atti ad assicurare all’intervento caratteristiche di ecosostenibilità (nell’ottica degli obbiettivi generali di salvaguardia dell’ambiente, uso razionale delle risorse naturali del luogo e risparmio energetico durante il ciclo funzionale) garantendo inoltre l’esigenza del riposo percepito degli occupanti attraverso il controllo della luce naturale, delle immissioni acustiche, del benessere termico e della qualità dell’aria sia nella stagione estiva che invernale.
 
Il progetto architettonico nel suo complesso è stato sviluppato e verificato tenendo conto dell’impatto sole-aria sull’edificio. In questo modo sono stati definiti l’orientamento, la forma, la distribuzione degli edifici, che si dispongono prevalentemente sull’asse est-ovest per difendersi dai venti invernali provenienti da occidente. Allo stesso modo sono stati progettati gli ambienti interni (con le zone di vita a sud e di servizio a nord) dimensionate le aperture finestrate, le schermature orizzontali e verticali, le murature (a forte inerzia termica a isolamento diffuso e permeabili al vapore) e gli infissi esterni, in relazione all’esposizione.
 
Il comportamento igrotermico dell’edificio è stato progettato per ridurre il fabbisogno energetico in ogni stagione dell’anno. D’inverno il sistema edificio-impianto combina gli aspetti “passivi” di guadagno diretto, dovuti all’adeguato dimensionamento ed orientamento delle aperture finestrate, prevalentemente poste sul lato sud degli edifici; d’estate, l’inerzia termica dell’involucro, la protezione dell’irraggiamento diretto, la ventilazione naturale dei tetti e la ventilazione naturale incrociata degli ambienti, favoriscono il raffrescamento naturale.
 
Per migliorare le prestazioni acustiche passive dell’edificio, sono stati inoltre previsti accorgimenti tecnico-costruttivi e idraulica naturale,vernici prive di SOV o dal contenuto inferiore al 50% del massimo consentito per Legge) e dal sistema di ventilazione naturale.

Controllo geometrico delle radiazioni solari
Gli alloggi sono stati progettati in modo tale da consentire nei periodi invernali, un ottima esposizione a tutte le ore, tant’è che i carichi termici saranno distribuiti per tutto l’edificio, in particolar modo sulle pareti verticali; nel periodo estivo invece, i carichi termici saranno diretti sul solaio di copertura o solo sulle parti terrazzate, lasciando, in ombra la parte restante dell’edificio.

Controllo delle masse e isolamento dei muri e solai perimetrali
Gli elementi basilari, sono costituiti dalle perimetrazioni verticali esterne da 46 cm. di spessore, dai solai di copertura a terrazzo costituiti da un pavimento galleggiante ventilato, che assorbirà la radiazione solare, alzato di 5 cm. dal sottostante pacchetto a doppio isolamento termico (cemento cellulare sp. medio 10 cm. + polistirene 5 cm.), e dai solai di copertura dei pilotis (spessore 40 cm.) realizzati con isolamento in pannelli di legno mineralizzato. Tali elementi tramite la loro massa e la loro elevata coibenza consentono ridotte dispersioni ed una elevata inerzia termica

Controllo della ventilazione interna
L’aerazione è assicurata oltre che da una ventilazione continua passante (doppio affaccio SUD/NORD), anche tramite la realizzazione di torri del vento. Infatti, sia la zona giorno che la zona notte (esclusi tassativamente per ovvi motivi bagni e cucine) dispongono di un sistema di ventilazione naturale continua con aspirazione tramite le torri.
 
Sistemazioni esterne
La sostenibilità continua anche al di fuori delle mura domestiche con percorsi pedonali senza barriere architettoniche e con il 50% del lotto non pavimentato e lasciato a verde, tutti i sottofondi stradali sono realizzati con materiali di risulta, limitando il peso in discariche.
 
Impianto solare
Tutte le abitazioni sono dotate di impianto solare termico con accumuli, realizzati per la produzione di acqua calda sanitaria e una integrazione all’impianto di riscaldamento a pavimento a bassa temperatura. Gli impianti realizzati permetteranno una copertura fino all’80% del fabbisogno di acqua calda sanitaria e fino al 30% del fabbisogno energetico per il riscaldamento invernale.
 
Illuminazione esterna
L’illuminazione esterna alle abitazioni, dell’intero complesso edilizio, sia sui balconi, sia negli spazi verdi privati che comuni e sia per l’illuminazione della viabilità interna, è stata realizzata con l’adozione di corpi illuminanti che permettono di controllare il flusso luminoso verso le zone interessate, evitando di disperdere l’illuminazione verso il cielo. Inoltre tutti i corpi illuminati sono stati dotati di lampade a basso consumo.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui