Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA

La Manovra Bis potrebbe innalzare l’Ires sulle rinnovabili

di Rossella Calabrese

Per Aper l’estensione della Robin Hood Tax alle aziende del settore rinnovabili è ‘l’ennesima contraddizione che fa male all’Italia’

Vedi Aggiornamento del 07/09/2011
Commenti 6132
05/09/2011 - Un innalzamento dal 6,5 al 10,5% dell’addizionale Ires per le aziende energetiche con un fatturato superiore a 10 milioni di euro, comprese quelle che producono energia da fonti rinnovabili.
 
Lo prevede la Manovra Bis (DL 138/2011), licenziata ieri dalla Commissione Bilancio del Senato (ddl 2887).
 
Contro questa misura - che potrebbe essere definitivamente confermata nella legge di conversione - si è espressa Aper, l’Associazione dei Produttori di Energia Elettrica da Fonti Rinnovabili, secondo cui “questa nuova tassa è in aperta contraddizione con i programmi di promozione e sostegno dello sviluppo delle fonti rinnovabili, contenuti nel Dlgs 28 del 3 marzo 2011 (in attuazione del pacchetto Energia/Clima 20-20-20) e colpirebbe ulteriormente un comparto che si è già visto, negli scorsi mesi, tagliare significativamente gli incentivi nonostante il perdurare di elevati oneri autorizzativi e dell’incertezza normativa”.
 
“Se la norma venisse realmente approvata - afferma Agostino Re Rebaudengo, Presidente di APER - metterebbe a rischio lo sviluppo di un settore chiave ed anticiclico per la nostra economia che sta già portando benefici diretti a tutti i cittadini/consumatori, riducendo i prezzi di borsa dell’energia elettrica nelle ore di picco estive per un ammontare di circa 500 milioni di euro/anno ed evitando costi per l'acquisto di titoli di emissione di CO2 per un ammontare pari a circa 200 milioni di euro/anno.  La nuova tassa ridurrebbe drasticamente la prospettiva, al 2020, di nuovi posti di lavoro e di nuovi investimenti ad oggi previsti per oltre i 50 miliardi di euro”.
 
APER chiede quindi a Governo e Parlamento di rivedere radicalmente le modalità e gli ambiti di applicazione della Robin Hood Tax, eliminando tale iniqua e discriminatoria imposta a carico solo del settore energetico, fonti rinnovabili incluse.

Il decreto, modificato, approderà martedì in Aula al Senato, e dovrà essere approvato entro sabato 10; poi il provvedimento passerà alla Camera.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui