Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus fino al 2023 e stop al bonus facciate, cambiano le detrazioni sulla casa
RISTRUTTURAZIONE Superbonus fino al 2023 e stop al bonus facciate, cambiano le detrazioni sulla casa
RISPARMIO ENERGETICO

Climatizzatori, la sostituzione è incentivata col superbonus 110%

di Paola Mammarella

Le Faq pubblicate dal Sottosegretario al Mef, Alessio Villarosa, spiegano che si tratta di un intervento trainato

Vedi Aggiornamento del 16/06/2021
  Commenti 44778
Foto: Andriy Popov©123RF.com
04/11/2020 – La sostituzione di un climatizzatore può usufruire, a determinate condizioni, del superbonus 110%. È quanto emerge da una Faq pubblicata dal Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, Alessio Villarosa.
 

Superbonus 110% per la sostituzione dei climatizzatori

Posso considerare come intervento trainato la sostituzione di climatizzatori su parti private?” Questa la domanda posta da un cittadino, alle prese con un intervento di riqualificazione edilizia.
 
La Faq spiega che “la normativa non fa esplicito riferimento ai condizionatori, né includendoli né escludendoli. Si può quindi dedurre che se vengono rispettati i requisiti previsti dal D. Lgs. 192/05, come modificato dal D. Lgs. 48/2020 per la definizione di ‘impianti di riscaldamento’, la sostituzione di climatizzatori possa rientrare nel Superbonus al 110% come intervento trainato”.
 
In base al D.lgs. 48/2020, gli impianti di riscaldamento o impianti di climatizzazione invernale, sono il “complesso di tutti i componenti necessari a un sistema di trattamento dell’aria, attraverso il quale la temperatura è controllata o può essere aumentata”.
 
Sempre in base alle definizioni del D.lgs. 48/2020, gli impianti di riscaldamento, o di climatizzazione invernale, rientrano negli impianti termici. Il decreto definisce l’impianto termico come un “impianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, o destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione, accumulo e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e controllo, eventualmente combinato con impianti di ventilazione. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate”.
 

Superbonus 110%, le condizioni per gli impianti termici

L’analisi di queste definizioni è utile per capire le altre condizioni che gli impianti devono rispettare per accedere al Superbonus 110%.
 
Nei giorni scorsi, infatti, l’Enea ha fornito altri chiarimenti sulle caratteristiche che devono possedere gli impianti termici per ottenere il Superbonus.
 
Sulla base del D.lgs. 48/2020, l’Enea ha spiegato che l’impianto termico deve essere fisso e funzionante o riattivabile con un intervento di manutenzione, anche straordinaria.
 
Alla luce di questo excursus, possiamo quindi concludere che il climatizzatore, per accedere al Superbonus, deve essere fisso e funzionante o riattivabile con un intervento di manutenzione, anche straordinaria.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati