Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
MERCATI Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
FOCUS

Pavimenti continui, guida alla scelta

di Alessandra Marra

Vantaggi e caratteristiche dei rivestimenti senza fughe

Vedi Aggiornamento del 27/08/2020
  Commenti 16873
16/04/2020 – I pavimenti continui sono rivestimenti senza fughe e senza le interruzioni dei tradizionali pavimenti in piastrelle. Grazie a queste caratteristiche, riescono a modificare la visione degli ambienti, ‘ampliando’ lo spazio.
 
Inoltre, molte tipologie possono essere posate al di sopra del pavimento esistente, permettendo di risparmiare tempi e costi in caso di ristrutturazioni. In più, i pavimenti continui sono facili da pulire e igienici perché l’assenza di fughe impedisce allo sporco e ai batteri di annidarsi o di essere assorbiti.
 
Generalmente sono indicati per ambienti sia interni che esterni grazie alle ampie possibilità di personalizzazione e all’alta resistenza all’usura. I pavimenti continui sono realizzabili in numerosi materiali, come resina, pvc, cemento e gres. Esistono anche pavimenti continui in ceramica. 
 

Pavimenti continui

Tra i pavimenti applicabili su un materiale già esistente c’è MICROTOPPING® di IDEAL WORK che, con tre millimetri di spessore, permette di rinnovare le superfici. È estremamente resistente alle sollecitazioni climatiche e all’usura, facile da pulire e veloce da realizzare e ha una resa perfetta anche su pavimenti radianti.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Soluzioni versatili sono possibili con IPM CULT di IPM Italia che garantisce grande libertà creativa e massima resistenza all’usura, al calpestio e all’abrasione.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Tra i pavimenti con texture in resina cementizia spatolata c’è CEMENTORESINA (CR) di Kerakoll, un pavimento continuo a 3 strati, dello spessore di 3,5 mm, dalla texture resina cementizia spatolata, indicato per superfici interne che permette sorprendenti effetti di rifrazione della luce.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Un altro esempio è PAVIMENTO LIQUIDO di ARKdeko’ che con l'impiego di particolari tensioattivi riduce al minimo la formazione di bolle e agevola la loro naturale rimozione, migliorando la qualità della posa.
 Pavimenti continui, guida alla scelta
C’è anche MATERICA Invidia di DRACO, un sistema a bassissimo spessore, adatto ad ogni ambiente e supporto, che si applica manualmente a spatola creando un rivestimento continuo senza fughe.
Pavimenti continui, guida alla scelta
MICROVERLAY di Isoplam è un rivestimento a base cementizia molto resistente, impermeabile, facile da impiegare e dalla forte aderenza. Può essere applicato su cemento, calcestruzzo, muratura, cartongesso ed anche su ceramica, legno, vetro, plastica e piastrelle senza necessità di rimuoverle e in breve tempo.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Tra le soluzioni con effetto chiaroscuro c’è SPAZIORESINA di Litokol, un sistema decorativo a tre componenti per superfici continue in resina, pensato per l’utilizzo in ambito residenziale composto da una gamma di prodotti a base acqua che vanno stratificati e combinati tra loro.Pavimenti continui, guida alla scelta

Se si vuole optare per soluzioni particolarmente attente all'assenza di sostanze tossiche per l’uomo e l’ambiente, c’è ECOMALTA di Oltremateria, un materiale eco-compatibile innovativo con il quale si può realizzare una superficie continua ignifuga, traspirante, ingeliva, resistente, flessibile, riciclabile, priva di cementi e di resine epossidiche.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Tra i rivestimenti ecologici in vinile c’è IQ SURFACE di TARKETT, pavimento omogeneo disponibile in rotoli da 2m di larghezza e uno spessore di 2mm. Le superfici resilienti assicurano la massima igiene e resistenza contro prodotti chimici e macchie in ambienti sensibili.
Pavimenti continui, guida alla scelta  
Un altro esempio è TARALAY IMPRESSION COMPACT di Gerflor un pavimento vinilico multistrato non caricato, in rotoli o in piastrelle in tinta unita, con un motivo stampato su uno strato calandrato liscio, protetto da uno strato di superficie calandrato trasparente.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Tra i pavimenti continui per esterni in poliuretano c’è SIKAFLOOR®-400 N ELASTIC, un rivestimento monocomponente ad elevata elasticità, contenente solvente, resistente ai raggi UV, colorato, a base poliuretanica, igroindurente.
Pavimenti continui, guida alla scelta
Per esterni anche DIY & TRADEPACK di SureSet, un'alternativa attraente ed ecologica all'asfalto, ghiaia, decking e alla pavimentazione tradizionale. 
Pavimenti continui, guida alla scelta
PAVIMENTI CONTINUI >> VEDI TUTTI
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati