Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Appalti, cantieri soggetti ai controlli sul pagamento delle ritenute
NORMATIVA Appalti, cantieri soggetti ai controlli sul pagamento delle ritenute
PROFESSIONE

Flat tax, nuove regole subito operative senza regime transitorio

di Paola Mammarella

L’Agenzia delle Entrate conferma: nel 2019 bisogna aver rispettato i tetti di fatturato, redditi da lavoro dipendente e lavoro accessorio

Commenti 6979
Foto: dolgachov©123RF.com
13/02/2020 – Le regole per l’accesso al regime forfetario sono già operative, conformi allo statuto del contribuente e non richiedono un regime transitorio. Questa, in sintesi, la conclusione della risoluzione 7/E/2020, con cui l’Agenzia delle Entrate ha risposto alle polemiche e ai dubbi dei contribuenti sulla nuova flat tax in vigore dal 2020.
 

Flat tax, Agenzia delle Entrate: ‘subito operativa’

La Legge di Bilancio 2020 stabilisce che per accedere al regime forfetario, con tassazione agevolata al 15%, nell’anno precedente bisogna aver conseguito ricavi o compensi non superiori a 65mila euro, sostenuto spese per il personale e per lavoro accessorio non superiori a 20mila euro e percepito, contemporaneamente all’esercizio dell’attività professionale, redditi da lavoro dipendente o assimilati non superiori a 30mila euro.
 
La legge è entrata in vigore il 1° gennaio 2020, quindi le verifiche devono essere effettuate sui redditi e sulla situazione professionale del 2019.
 
Fino all’anno scorso, per accedere al regime forfetario era sufficiente non superare il tetto di 65mila euro dei ricavi o compensi. Con l’introduzione dei nuovi limiti, alcuni contribuenti sono usciti dal sistema con tassazione agevolata e sono automaticamente passati al regime ordinario.
 

Flat tax, i dubbi dei contribuenti e la richiesta di proroga

Molti contribuenti hanno giudicato questo repentino passaggio, dal regime agevolato ad uno con tassazione ordinaria, non conforme allo Statuto del Contribuente (L.212/2000).
 
Sull’argomento sono state presentate delle interrogazioni per sottolineare che, in base allo Statuto, tra l’approvazione delle modifiche in materia fiscale e la loro applicazione devono intercorrere almeno 60 giorni. Un termine che non sarebbe stato rispettato, visto che la Legge di Bilancio è stata approvata a ridosso della fine del 2019 e le novità sono entrate in vigore il 1° gennaio 2020, e che ha quindi spinto gli interroganti a chiedere di applicare le nuove cause di esclusione a partire dl 2021.
 
Nei giorni scorsi, il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) ha respinto le richieste, spiegando che la permanenza nel regime forfetario è determinata solo dagli esiti delle verifiche sui redditi del 2019 e non da eventuali adempimenti a carico dei contribuenti. In quest’ultimo caso, la richiesta di proroga sarebbe stata motivata.
 
L’Agenzia delle Entrate ha chiuso la questione confermando le posizioni del Mef.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Architetture e cantieri in Liguria, quali scenari si aprono? Partecipa