Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
PROFESSIONE Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
FOCUS

Come impermeabilizzare il calcestruzzo a vista

di Rosa di Gregorio

L’acqua causa efflorescenze, colature e corrosione che degradano facciate, travi, pilastri in cemento a vista

Vedi Aggiornamento del 14/07/2021
Foto: Komkrit Preechachanwatecaifas©123RF.com
07/12/2020 - L’uso del calcestruzzo (cls) a vista è elemento connotativo dell’architettura moderna, in special modo della corrente architettonica del Brutalismo (dal termine francese beton brut "cemento grezzo"). Corrente che ha trovato la sua affermazione anche in Italia, soprattutto negli anni 70, ma che continua ancor oggi ad essere in voga.
 
Per quanto si pensasse che il calcestruzzo fosse un materiale inattaccabile ed indistruttibile, il degrado superficiale che ha interessato molte di queste strutture in cls faccia a vista - pilastri, travi, parapetti e intere facciate - hanno obbligato ad una rivalutazione del sistema costruttivo.
Infatti oggi, le moderne tecnologie, attraverso l’aggiunta di additivi specifici, permettono di realizzare miscele che sono altamente resistenti all’azione di agenti esterni come quelli atmosferici e gli inquinanti, annoverabili tra le principali cause di deterioramento del materiale.
 
Il degrado sulle superfici in cls si sviluppa a causa di un processo chimico chiamato carbonatazione: le opere in cls contengono al loro interno della calce libera (idrossido di calcio Ca(OH)2), quando questa viene a contatto con l’acqua che penetra (pioggia, umidità, vento ecc. ecc.) viene messa in soluzione. In seguito, l’acqua evapora ma i sali solubili (il calcio CaCO3) presenti nella soluzione rimangono.
 
La continua esposizione delle strutture in cls faccia a vista a reazioni di idratazione e carbonatazione genera diversi fenomeni di degrado, come:
 
- colature ed efflorescenze: i sali solubili formati dal processo di carbonatazione tendono a spostarsi verso la superficie più esterna, dove cristallizzano sotto forma di polvere bianca, che altro non è che efflorescenza; allo stesso tempo si osservano alterazioni superficiali come aree di colore diversificate, sfarinamenti diffusi, distacchi localizzati o distribuiti.
 
- corrosione: l’alterazione dello strato di finitura costituisce la precondizione per la propagazione di fenomeni di degrado anche all’interno della struttura, accentuati notevolmente anche dall’azione del gelo/disgelo. Tutto questo determina l'innesco della corrosione delle armature del cls.
 
Come impermeabilizzare il calcestruzzo a vista
Foto: colore idrorepellente e oleorepellente per calcestruzzo PROTECT GUARD® COLOR © COPLAN
 

Impermeabilizzazione cls a vista, la soluzione

È possibile intervenire prima che la situazione diventi irreversibile? Sì, impermeabilizzando la superficie con impregnanti protettivi per calcestruzzo.
Questi prodotti permettono di rendere idrorepellenti le superfici difendendole dalle aggressioni ambientali.
 
I protettivi superficiali per cls possono essere usati per il trattamento di tutti i materiali minerali assorbenti da costruzione quali: calcestruzzo a vista, intonaci, malte cementizie, murature in pietra arenaria, calcarea, murature in mattoni, calcestruzzo cellulare. Non possono essere usati su rivestimenti di tipo resinoso o plastico.
 
Posso essere a base solvente o in dispersione acquosa. Come per gli impermeabilizzanti usati per i balconi, anche i protettivi per cls sono trasparenti, in modo da non alterare la texture del cemento, caratteristica specifica e decorativa del materiale. Ma, esistono in commercio anche delle tipologie semitrasparenti o lievemente coprenti.
 
Come impermeabilizzare il calcestruzzo a vista
Foto: impermeabilizzante protettivo antidegrado per calcestruzzo EVERCEM DPS © TECNOVA GROUP®
 

Impermeabilizzazione cls a vista, come avviene?

L’impregnante ha un forte potere di penetrazione per assorbimento; una volta applicato si disperde nelle minuscole discontinuità del supporto, dove solidifica formando un sottile strato idrorepellente che avvolge l’interno delle micro-cavità o delle microlesioni presenti in prossimità della superficie. Lo stato idrorepellente non elimina la traspirabilità, non è una pellicola.
 
La superficie diventa idrorepellente: l’acqua non viene più assorbita dal paramento ma scivola lungo la superficie; questo effetto è detto perlante ed è attivo anche in caso di pioggia a vento.
Lo strato idrorepellente impedisce, inoltre, a polvere e smog di aggredire la superficie. I depositi di sporco vengono eliminati con la pioggia (effetto autopulente) o attraverso un lavaggio periodico della superficie trattata.
 
Tra le caratteristiche tecniche dei protettevi si possono elencare la resistenza ai raggi UV, allo sfarinamento, al dilavamento e agli shock termici di dilatazione e contrazione.
 
Come impermeabilizzare il calcestruzzo a vista
Foto: inibitore di corrosione organofunzionale MasterProtect 8000 CI©BASF Construction Chemicals
 

Impermeabilizzazione cls a vista, preparazione delle superfici

Ogni trattamento impregnate deve essere preceduto da un’attenta e profonda pulizia del supporto. Composti grassi, oleosi, pulverulenti, friabili, devono essere eliminati perché ostacolano l’assorbimento della miscela e quindi il suo potere idrorepellente. La pulizia della superficie può essere fatta con acqua o utilizzando detergenti neutri o base di acidi. Fessure e distacchi devono essere rispristinati prima dell’applicazione dell’impregnate.

La fluidità della miscela permette una notevole semplicità e facilità nell’applicazione, che può essere manuale – usando la strumentazione per la tinteggiatura – o meccanica quando le superfici sono considerevoli.
 

Acquista protettivi superficiali per calcestruzzi su Edilportale Shop!


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa