Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
NORMATIVA

Iva e subappalti: probabile proroga per l’edilizia

di Rossella Calabrese

Il reverse charge potrebbe scattare dal 1° gennaio 2007

Vedi Aggiornamento del 11/07/2007
Commenti 12504
16/10/2006 - Potrebbe slittare al 1° gennaio 2007 l’entrata in vigore del meccanismo contabile del “reverse change” nei rapporti di subappalto in edilizia. La novità, introdotta dall’articolo 35, comma 5, del decreto Bersani (convertito dalla legge 248/2006), consiste nell’estensione al settore edile dell’obbligo per i subappaltatori di fatturare senza Iva; sarà l’appaltatore ad integrare successivamente le fatture con l'indicazione dell'aliquota e della relativa imposta. Il nuovo adempimento è teoricamente entrato in vigore il 12 ottobre scorso, come confermato da una nota dell’Agenzia delle Entrate del 6 ottobre scorso. Ma il 12 ottobre una nuova nota delle Entrate spiega che, a causa delle incertezze interpretative sorte a seguito della “entrata in vigore della direttiva 2006/69/CE del 24 luglio 2006 – che consente agli Stati membri la possibilità di designare, come debitore, il soggetto passivo nei cui confronti siano effettuate determinate prestazioni di servizi nel settore immobiliare, in deroga alle disposizioni concernenti la soggettività d’imposta”, il reverse change entrerà in vigore “non prima della data che sarà stabilita in via legislativa.” La data sarà quella stabilita in sede di conversione del DL n. 262 del 3 ottobre 2006, al quale il Governo ha presentato un emendamento volto a risolvere definitivamente le suddette incertezze interpretative.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui