Network
Pubblica i tuoi prodotti
Smart metering: lettura e gestione intelligente dei consumi

Smart metering: lettura e gestione intelligente dei consumi

La digitalizzazione tocca anche i contatori elettrici, gas e idrici che diventano smart grazie all’IoT con vantaggi per gli end-consumer e l'ambiente

Vedi Aggiornamento del 15/03/2024
Smart meter per l'energia elettrica - Foto: simpson33 123rf.com
Smart meter per l'energia elettrica - Foto: simpson33 123rf.com
di Rossella di Gregorio
21/02/2024 - Lo Smart Metering è un sistema di misura centralizzato e automatizzato, un’innovazione tecnologica che consente di massimizzare le prestazioni metrologiche, realizzare efficienza energetica e conseguire vantaggi tangibili per i consumatori finali.
 
Lo smart metering si realizza attraverso gli smart meter, i contatori intelligenti, che sono dei dispositivi di misurazione digitali che monitorano e registrano i consumi energetici in tempo reale.
 
Lo smart metering, se applicato su larga scala, permetterebbe, grazie all’IoT (Internet of Things), di misurare e gestire a distanza i consumi in tutti i settori, quello dell’energia elettrica, del gas, idrico e del teleriscaldamento.
 

Come è fatto un sistema di smart metering

Un sistema di smart metering è in grado di rilevare il consumo in tempo reale e di elaborare una serie di dati che vengono inviati e scambiati in rete creando un flusso di informazioni bidirezionale.
 
Affinché questo possa avvenire, un sistema di smart metering deve essere composto da:
 
  • gli smart meter, i contatori intelligenti;
  • uno smart communication network, la rete di comunicazione intelligente;
  • un sistema intelligente centrale di acquisizione dati, in grado di raccogliere le informazioni proveniente dai misuratori.
 
Gli smart meter a loro volta sono dotati di:
 
  • un dispositivo di misurazione, che registra i consumi e trasmette i dati al dispositivo di comunicazione;
  • un dispositivo di comunicazione, che trasferisce i dati al fornitore;
  • un dispositivo di visualizzazione, che mostra all’utente sia il consumo in real time ma anche lo storico.
 

Smart metering, perché è una tecnologia sempre più diffusa

L’installazione degli smart meter sta crescendo in modo esponenziale in tutto il mondo. Secondo il rapporto “AMI Global Forecast 2019-2024” della società di ricerca Wood Mackenzie, il numero dei contatori intelligenti installati sarà di 1,2 miliardi entro la fine del 2024.
 
Tale fenomeno è strettamente connesso all’affermarsi sempre più preponderante della digitalizzazione.
 
La digitalizzazione sta infatti accelerando e modernizzando le misure di efficienza energetica, basti pensare alle Smart Grid, le reti intelligenti, che sono in grado di ottimizzare dinamicamente la fornitura di grandi quantità di elettricità provenienti anche da fonti di energia rinnovabile.
 
Oppure alla Building Automation, ovvero la “scienza” che si occupa dell’automazione delle funzioni di un edificio. L’utilizzo dei contatori intelligenti diventa abilitante rispetto a soluzioni più complesse come i sistemi di gestione dell’energia dell’edificio, i cosiddetti BEMS.
 

Smart metering: vantaggi per il consumatore

Per l'utente finale, i vantaggi risiedono nella possibilità di avere a disposizione una bolletta sempre precisa e puntuale. Lo smart meter inoltre favorisce la consapevolezza del consumatore in relazione ai propri consumi, promuovendo scelte volte all’efficienza energetica e alla sostenibilità ambientale.
 
Basti pensare ai comportamenti errati nell’uso, ad esempio, dell’energia elettrica. Con i vecchi contatori “più facilmente” si possono raggiungere picchi di consumo e il contatore salta; un alert che dà un’informazione importante: si sta consumando eccessivamente.
 
Grazie allo smart meter, che trasmette e riceve dati relativi al consumo in tempo reale, si crea nell’end-user una maggiore consapevolezza dei propri consumi e si innescano comportamenti virtuosi su come gestire la propria utenza, per ottenere un servizio migliore e più efficiente, come accendere apparecchi e impianti nei momenti in cui la disponibilità di energia è maggiore e spegnerli quando viceversa questa è più scarsa, contribuendo in modo determinante anche ad equilibrare la rete.
 

Perché un professionista deve conoscere lo smart metering?

Tutte le nuove tecnologie, che mirano a ridurre spese e consumi, aumentando il comfort ambientale, concorrono alla creazione di quello che è noto come smart building.
 
C’è ancora una scarsa conoscenza del concetto di Smart Building da parte degli italiani, ma al contrario l’edilizia sta accelerando verso la sostenibilità e la smartness.
È impossibile pensare agli edifici del futuro, gli smart building, senza un sistema metrologico intelligente. Pertanto, lo smart metering è sicuramente uno dei protagonisti dello scenario energetico del prossimo futuro.
 
La diffusione sempre maggiore della building automation, anche nel residenziale, lo sviluppo delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) e dell’autoconsumo diffuso , non sono solo “progetti futuri” ma realtà concrete. I professionisti sono chiamati, pertanto, a conoscere il tema in modo approfondito.
 
Nello specifico conoscere i temi relativi allo smart metering è essenziale per i professionisti che operano nei settori dell'energia, dell'ingegneria, dell’architettura, della tecnologia dell'informazione e della gestione ambientale per rimanere non solo competitivi, ma offrire soluzioni efficaci ai propri clienti e contribuire alla transizione verso un'economia più sostenibile.
 

Smart Metering in Italia

Smart Meter e Smart Metering sono dunque due parole ricorrenti quando si parla di risparmio ed efficienza. Ma, se per l’energia elettrica lo stato di avanzamento e affermazione della tecnologia è a un ottimo punto (l’Italia vanta infatti il primato mondiale di diffusione dei contatori intelligenti nel mercato elettrico), il cammino subisce qualche rilento nel settore del gas e degli stop in quello idrico, per i quali, i piani di sostituzione dei contatori hanno incontrato maggiori difficoltà attuative.
 
Tuttavia anche per questi due settori sono in corso delle azioni, da un comunicato dell’ARERA, dello scorso 27 settembre, si legge infatti che: “nel settore idrico sono presenti in molti casi contatori solo a livello di condominio e non ancora di singolo utente. Il passaggio alla misura individuale permetterebbe numerosi vantaggi anche in termini di migliore controllo delle perdite d'acqua a valle del contatore. Anche allo scopo di valutare nel settore idrico l'utilizzo di sistemi di smart metering, l'Autorità ha promosso alcuni progetti di sperimentazione multiservizio. In tutti i progetti selezionati sono presenti i settori gas e idrico, oltre ad altri servizi di pubblica utilità diversi da progetto a progetto.
 
Nei progetti sperimentali multiservizio selezionati viene condivisa, tra gli esercenti dei diversi servizi coinvolti, l'infrastruttura di comunicazione necessaria per il trasferimento dei dati dai contatori (o sensori) agli esercenti.  L'obiettivo della condivisione dell'infrastruttura di comunicazione è duplice: ridurre, rispetto alla gestione separata, i costi relativi alla gestione di tali infrastrutture necessarie per la rilevazione a distanza dei dati di consumo (smart metering) o di funzionamento dei servizi (sensori di monitoraggio e controllo, es. smart water grid) e rendere disponibili ai clienti finali informazioni sui consumi dei diversi servizi in modo integrato”.


Note:
(1) Paper “La Digitalizzazione delle Utilities: la chiave per efficientare la produzione, migliorare i processi e garantire la trasparenza dei servizi pubblici del futuro”, realizzato da Agici Finanza d’Impresa
Le più lette