Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Fotovoltaico, l’installazione contestuale alla ristrutturazione edilizia riduce il tetto del Superbonus
NORMATIVA Fotovoltaico, l’installazione contestuale alla ristrutturazione edilizia riduce il tetto del Superbonus
NORMATIVA

Cessione del credito, per le banche cessione libera solo a clienti professionali

di Paola Mammarella

La bozza del Decreto Aiuti elimina il limite del quarto passaggio

Vedi Aggiornamento del 20/05/2022
Foto: www.governo.it
06/05/2022 - I limiti alla cessione del credito stanno per assumere nuovi margini. La bozza del Decreto “Aiuti”, tornata sul tavolo del Consiglio dei Ministri dopo la discussione di lunedì scorso, consente alle banche la possibilità di cedere, in ogni momento, i crediti ai clienti professionali privati che abbiano stpulato un contratto di conto corrente con la banca che cede il credito o con la capogruppo. I clienti che acquisiranno il credito non potranno operare cessioni successive.
 

Cessione del credito, le nuove regole

Se le novità contenute nella bozza del Decreto “Aiuti” saranno confermate, le banche, e le società appartenenti ad un gruppo bancario, non dovranno attendere il quarto passaggio per cedere il credito al correntista. Verrebbe modificata una regola entrata in vigore il 1° maggio, da meno di una settimana.
 
Al momento, per la cessione del credito è in vigore questo meccanismo:
- prima cessione libera;
- seconda e terza cessione per intero a favore di soggetti qualificati;
- quarta cessione dalle banche ai propri correntisti.
 
Per effetto del Decreto “Aiuti”, invece, le banche potranno cedere subito il credito ai clienti professionali privati, i quali non potranno a loro volta cedere il credito acquisito.

 


Cessione del credito ai clienti professionali

Ma chi sono i soggetti cui le banche possono sempre cedere il credito corrispondente alla detrazione? Il Regolamento degli intermediari Consob del 2007 dà una definizione dei clienti professionali, cioè che possiedono l’esperienza, le conoscenze e la competenza necessarie.
 
Si tratta, per fare degli esempi, di banche, imprese di investimento, imprese di assicurazione, organismi di investimento, fondi pensione, imprese di grandi dimensioni (che possiedono almeno due dei requisiti: bilancio pari almeno a 20 milioni di euro, fatturato netto pari almeno a 40 milioni di euro, fondi propri pari almeno a 2 milioni di euro).
 

Bonus edilizi, M5S: manca la possibilità di cessioni frazionate

“Manca ancora un passaggio: la possibilità di cessioni frazionate, che incrementerebbe la cessione verso i clienti e potrebbe comunque continuare a garantire la tracciabilità dato il rapporto a monte esistente tra cedente e cessionario", hanno commentato in una nota i deputati del Movimento 5 stelle Patrizia Terzoni, Antonio Federico, Riccardo Fraccaro e Luca Sut.

Secondo i deputati, "l’auspicio è che questi interventi siano sufficienti a sbloccare i tanti, troppi casi di crediti maturati ma non riscuotibili a fronte di lavori già realizzati dalle imprese".

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione